In JX we trust…(for 4m 2009 season)

Maybe the italians can be on air on 4m also on 2009.
We’re crossing our fingers.
Thanks to I0JX for his work, very appreciated as usual:
Roma, 21 Marzo 2009
Alle Associazioni Radioamatoriali Italiane:
– ARAC, e-mail: amministrazione@arac.it
– ARI, indirizzo postale: via D. Scarlatti 31, 20124 Milano
– ERA, e-mail: eraeuropea@libero.it
– CISAR, e-mail: segreteria@cisar.it
– Polo Positivo, e-mail: webmaster@polopositivo.org
Ai Radioamatori Italiani interessati alla banda dei 70 MHz, per il tramite di:
– Bollettino Info-Radio, e-mail: i1scl@info-radio.it
– Bollettino Radiogiornale, e-mail: radiogiornale@fastwebnet.it
– Bollettino RapportoRadio, e-mail: iz8fsl@gmail.com
– Forum Domande & Risposte di ARI Fidenza
– Newsgroup it.hobby.radioamatori

Oggetto: Impiego radioamatoriale della banda 70 MHz

Nel corso del 2007 si tenne, come peraltro noto, la prima sperimentazione radioamatoriale della banda 70 MHz di cui mi ero fatto promotore insieme a Luca IK0YYY, in coordinamento con l’Università degli Studi dell’Aquila. Una seconda sperimentazione fu poi portata avanti nel 2008, grazie al rinnovo dell’autorizzazione Ministeriale che fece seguito al rilascio di un nuovo nulla osta da parte dall’Ente militare titolare della banda.

Successivamente io e Luca, considerando ormai esaurito il nostro ruolo di scouting e ritenendo che i rapporti con gli enti istituzionali debbano essere di pertinenza delle Associazioni radioamatoriali, annunciammo pubblicamente che avremmo lasciato loro spazio al momento di richiedere il nuovo nulla osta per il 2009, pur rimanendo a disposizione per ogni possibile necessità.

Non conosciamo cosa precisamente sia poi accaduto, ma abbiamo recentemente appreso, con forte dispiacere, come l’Ente di gestione delle frequenze militari abbia espresso parere negativo alla continuazione della sperimentazione per il 2009, fatto che, tra l’altro, viene a compromettere la continuità nell’utilizzo dei 70 MHz, che si sperava di aver ormai conseguito e si contava quindi di poter mantenere anche nel corso degli anni futuri.

Stante la forte rilevanza dell’accaduto e certo di servire l’interesse generale, ho deciso di riprendere i miei contatti al fine di comprendere le motivazioni del diniego, ed anche come meglio agire per far ripartire una macchina che si è malauguratamente inceppata.

Dai colloqui è emerso come l’Ente militare competente sia generalmente favorevole alle sperimentazioni di natura radioamatoriale e sia quindi in linea di principio disponibile a consentire nuovi periodi di utilizzo della banda dei 70 MHz, compatibilmente con gli impieghi istituzionali. A tale benevolo atteggiamento devono però far sponda dei comportamenti più responsabili da parte del mondo radioamatoriale, e più attenti a salvaguardarne l’immagine esteriore. In particolare è importante che, per tutto quanto riguardi la questione 70 MHz, le Associazioni si muovano in maniera coordinata ed evitino la presenza di spunti polemici nei loro bollettini e pagine web, come pure di qualsiasi citazione o riferimentoall’Ente titolare della banda. Ciò magari anche cancellando pure di qualsiasi citazione o riferimento all’Ente titolare della banda. Ciò magari anche cancellando pagine web che si trovino già on-line. Stessa raccomandazione ovviamente vale anche per i singoli radioamatori, che siano o meno soci di un’Associazione.

Altra importante linea guida da seguire sarà quella di operare una netta distinzione tra tutto quanto riguardi l’eventuale futura allocazione dei 70 MHz ai radioamatori su base permanente, e quanto si debba invece fare al fine di ottenere delle autorizzazioni temporanee su base annuale, che nel frattempo ci permettano di utilizzare comunque la banda a titolo sperimentale. Mentre l’esito della prima questione sarà fortemente legata all’evoluzione del quadro internazionale (CEPT) che potrà essere seguito sul tavolo di coordinamento generale tra le Associazioni ed il Ministero delle Attività Produttive – Comunicazioni, le autorizzazioni temporanee potranno essere semplicemente ottenute inviandone richiesta al Ministero, il quale le concederà in coordinamento con l’Ente militare competente. Nella richiesta non dovrà comparire alcun elemento di novità, quale ad es. il poter operare sull’intero territorio nazionale o con potenze / frequenze diverse da quelle già precedentemente stabilite.

In conclusione auspico che le Associazioni radioamatoriali in indirizzo perseguano il raggiungimento di un’intesa che le porti ad inoltrare al Ministero, verso la fine del 2009, una singola richiesta – meglio se a nome collettivo – per un periodo di sperimentazione radioamatoriale dei 70 MHz limitato all’anno 2010 , e senza quindi alcun riferimento ad assegnazioni di natura permanente. Procedendo in maniera non coordinata, sarebbe poi difficile per le stesse Associazioni non sentirsi attribuita la responsabilità di un eventuale deprecato nuovo fallimento. Quanto detto vale anche per i singoli radioamatori, ai quali mi rivolgo nuovamente perchè si astengano dall’intraprendere azioni individuali, le quali sortirebbero effetti opposti a quelli desiderati.

Per quanto riguarda il 2009, ho appreso come i tre segmenti di banda 70 MHz a noi concessi nel passato siano attualmente interessati da impieghi istituzionali che precludono il parallelo svolgimento di attività radioamatoriali. E’ però anche emerso come detti impieghi potrebbero forse terminare in tempi non troppo lontani.

Tale circostanza, abbinata al buon rapporto che si è venuto a creare e che è uscito rafforzato dall’impegno da me con loro preso di cercare di mettere dell’ordine nella questione, mi ha portato ad ipotizzare l’eventualità – ancorchè non suffragata da alcun riscontro oggettivo – che l’utilizzo dei 70 MHz possa esserci nuovamente concesso già nel 2009, e magari addirittura in tempo utile per poter sfruttare il periodo nel quale si manifesta con maggiore intensità la propagazione di tipo E-sporadico.

E’ con tale messaggio di speranza che chiudo questa mia, porgendovi i miei più cordiali 73.

Antonio Vernucci, I0JX

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: